Iris pseudopumila Tineo (Iridaceae)






NOME VOLGARE ITALIANO: Giaggiolo.

DESCRIZIONE:

        Pianta perenne con rizoma orizzontale subcilindrico, breve. Fusto cilindrico, glabro, minore di 20 cm,  ricoperto dalle basi guainanti delle foglie. Queste ultime sono glauche, di 1, 5-3, x 9-20 cm,  lanceolate, acute e generalmente dritte. Fiori solitari, portati da brevi penducoli, odorosi,  gialli bordati di viola o, viceversa, viola con margini gialli; spata membranosa, lunga fino a 12 cm, avvolgente il tubo dell’ipanzio di 50-75 mm, tubo del perigonio di 20- 25 mm; lacinie di 1,5-2, 2 x 4-6 cm, con una densa linea di peli centrale (barba) di 5 x 30 mm, spatolate, le tre esterne rivolte all’infuori e in basso, le tre intere convergenti a cappuccio; ovario allungato e appiattito, di colore verde pallido; stili bifidi all’apice, stimmi giallo pallido; stami con antere bianchicce, allungate. Il frutto è una capsula lunga 1/3-1/5 del tubo perigoniale.

BIOLOGIA:
       Neofita  rizomatosa, con foglie persistenti pressoché tutto l’anno. La fioritura avviene in primavera da marzo a maggio in dipendenza dell’altitudine. Si riproduce per semi e per parti vegetative (rizomi).

DISTRIBUZIONE:
       Specie endemica della Sicilia e delle Puglie. Nell’Isola essa è distribuita sulle Madonie, e Caccamo, sui Monti di Palermo, a Busambra, Carini, S. Marco d’Alunzio, Piazza Armerina, ecc.

ECOLOGIA:
         
Eliofita termo-xerofila, submontana, dei litosuoli calcarei, si riviene fino ad altitudini piuttosto elevate nelle garighe e pascoli di cui talora caratterizza gli aspetti vegetazionali precoci.

NOTA:
        
La specie non è comune nell’Isola, per la qual cosa pur non essendo soggetta a pericoli immediati, persiste la possibilità di una certa riduzione del popolamento a causa di raccolte, aperture di cave, strade, ecc. Secondo la classificazione dell’I.U.C.N. la specie è da considerare “vulnerabile”.

BIBLIOGRAFIA:
       TINEO V., 1827 – Catalogus plantarum Hortii Regii panormitani: 283. Panormi.